E’ tassabile la cessione del contratto preliminare

Spazio dedicato all’ Dott. Stefano Bonaldo, referente del network www.consulentiaziendaliditalia.it per la provincia di Venezia.

Una recente risoluzione dell’Agenzia delle Entrate afferma che il corrispettivo derivante dalla cessione del preliminare di compravendita immobiliare da parte di un soggetto non imprenditore costituisce un reddito diverso e come tale imponibile ai sensi dell’art. 67 comma 1 lett. l) del TUIR.

Si rammenta che il contratto preliminare obbliga i contraenti a stipulare un successivo contratto e, pertanto, lo stesso non possiede effetti reali;in forza a tale contratto non viene trasferita la proprietà del bene, ma vengono a prodursi effetti obbligatori in capo alle parti contraenti.

Pertanto il corrispettivo percepito dal cedente del contratto non può considerarsi quale plusvalenza derivante dalla cessione a titolo oneroso di immobili disciplinate dall’art. 67 comma 1 lett. b) del TUIR, in quanto tale disposizione assoggetta a tassazione il corrispettivo derivante dalla cessione di beni immobili e non il semplice obbligo di cedere il bene.

L’Agenzia delle Entrate ritiene quindi che il corrispettivo percepito per la cessione del contratto è da includere nella fattispecie prevista dall’art. 67 comma 1 lett. l) del TUIR, in quanto in tale norma sono compresi anche i corrispettivi percepiti per l’assunzione di obblighi di fare, non fare o permettere.
Ai fini pratici il reddito è determinato dalla differenza fra l’ammontare percepito nel periodo d’imposta e le spese specificamente inerenti alla sua produzione (come, ad esempio, provvigioni, imposte, onorari di professionisti, ecc.), secondo quanto prevede l’art. 71 comma 2 del TUIR.

Naturalmente dal prezzo percepito da parte del cedente il contratto andranno scomputati gli acconti e le caparre versati al cessionario.

E ricorda, il network di professionisti più grande d’Italia è sempre a tua disposizione per una consulenza privata GRATIS, per analizzare lo stato della tua azienda, per trovare una soluzione alla crisi o semplicemente migliorarne il controllo e la gestione o, ancora, per cercare di aumentare i tuoi clienti, ti basta contattarci su http://www.imprenditoreitaliano.it/consulenze-gratis/

Potrebbero interessarti anche...

Utilizziamo cookie tecnici per fornire una migliore esperienza di navigazione nel sito, compresi cookie di maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi